Autore Topic: Stephen King  (Letto 1214 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Bic

  • Tea C. Blanc
  • Amministratore
  • Tastiera digitale
  • ******
  • Post: 10288
Stephen King
« il: 10 Aprile 2015, 23:06:24 »


Il topic è aperto per le opere di S. King in generale. Per la serie La torre nera è stato aperto un altro topic > http://forum.nuovasolaria.net/index.php?topic=476.msg4141#msg4141


Opere, come riportato da Wikipedia:

Romanzi

1974 - Carrie (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1977)
1975 - Le notti di Salem (Salem's Lot) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1979)
1977 - Shining/Una splendida festa di morte (The Shining) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1978)
1978 - L'ombra dello scorpione (The Stand) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1983)
1979 - La zona morta (The Dead Zone) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1981)
1980 - L'incendiaria (Firestarter) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1982)
1981 - Cujo (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1983)
1983 - Christine. La macchina infernale (Christine) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1984)
1983 - Pet Sematary (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1985)
1983 - Unico indizio: la luna piena (The Cycle of the Werewolf) (I ed. it. Milano, Longanesi, 1986)
1984 - Il talismano (The Talisman) - con Peter Straub (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1986)
1986 - It (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1987)
1987 - Gli occhi del drago (The Eyes of the Dragon) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1988)
1987 - Misery (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1988)
1987 - Le creature del buio (The Tommyknockers) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1989)
1989 - La metà oscura (The Dark Half) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1990)
1991 - Cose preziose (Needful Things) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1992)
1992 - Il gioco di Gerald (Gerald's Game) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1993)
1992 - Dolores Claiborne (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1994)
1994 - Insomnia (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1994)
1995 - Rose Madder (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1996)
1996 - Il miglio verde (The Green Mile) (I ed. it. Milano, Sperling serial, 1996)
1996 - Desperation (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1997)
1998 - Mucchio d'ossa (Bag of Bones) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1999)
1999 - La tempesta del secolo (Storm of the Century) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2000)
1999 - La bambina che amava Tom Gordon (The Girl Who Loved Tom Gordon) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1999)
2001 - L'acchiappasogni (Dreamcatcher) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2001)
2001 - La casa del buio (Black House) - con Peter Straub (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2002)
2002 - Buick 8 (From a Buick 8) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2003)
2005 - Colorado Kid (The Colorado Kid) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2005)
2006 - Cell (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2006)
2006 - La storia di Lisey (Lisey's Story) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2006)
2008 - Duma Key (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2008)
2009 - The Dome (Under the Dome) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2009)
2011 - 22/11/'63 (11/22/63) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2011)
2013 - Joyland (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2013)
2013 - Doctor Sleep (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2014)
2014 - Mr. Mercedes (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2014)
2014 - Revival (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2015)
2015 - Finders Keepers
Con lo pseudonimo di Richard Bachman[modifica | modifica wikitesto]
1977 - Ossessione (Rage) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1988)
1979 - La lunga marcia (The Long Walk) (I ed. it. Milano, A. Mondadori collana Urania, 1985)
1981 - Uscita per l'inferno (Roadwork) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1987)
1982 - L'uomo in fuga (The Running Man) (I ed. it. Milano, A. Mondadori collana Urania, 1984)
1984 - L'occhio del male (Thinner) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1986)
1996 - I vendicatori (The Regulators) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1997)
2007 - Blaze (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2007)

Serie La torre nera

1982 - L'ultimo cavaliere (The Dark Tower I: The Gunslinger) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1989)
1987 - La chiamata dei tre (The Dark Tower II: The Drawing of the Three) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1990)
1991 - Terre desolate (The Dark Tower III: The Waste Lands) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1992)
1997 - La sfera del buio (The Dark Tower IV: Wizard and Glass) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1998)
2003 - I lupi del Calla (The Dark Tower V: Wolves of the Calla) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2003)
2004 - La canzone di Susannah (The Dark Tower VI: Song of Susannah) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2004)
2004 - La torre nera (The Dark Tower VII: The Dark Tower) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2004)
2012 - La leggenda del vento (The Dark Tower: The Wind Through the Keyhole) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2012)

Raccolte di racconti

1978 - A volte ritornano (Night Shift) (I ed. it. Milano, Sonzogno, 1981)
1982 - Stagioni diverse (Different Seasons) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1987)
1985 - Scheletri (Skeleton Crew) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1989)
1990 - Quattro dopo mezzanotte (Four Past Midnight) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1990)
1993 - Incubi & deliri (Nightmares and Dreamscapes) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 1993)
1997 - Six Stories
2000 - Cuori in Atlantide
2002 - Tutto è fatidico (Everything's Eventual) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2002)
2008 - Al crepuscolo (Just After Sunset) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2008)
2009 - Stephen King goes to the movies (Stephen King Goes to the Movies) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2009)
2010 - Blockade Billy (Blockade Billy)
2010 - Notte buia, niente stelle (Full Dark No Stars) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2010)
2015 - The Bazaar of Bad Dreams

Non-fiction

1981 - Danse macabre - studio sul genere horror in letteratura, cinema e televisione
1988 - Nightmares in the Sky: Gargoyles and Grotesques - fotografie di f-stop Fizgerald, introduzione e commento di Stephen King
1994 - Mid-Life Confidential: The Rock Bottom Reminders Tour America With Three Chords and an Attitude - raccolta di aneddoti
2000 - On Writing: Autobiografia di un mestiere (On Writing: A Memoir of the Craft) - autobiografia e manuale di scrittura
2000 - Secret Windows: Essays and Fiction on the Craft of Writing - raccolta di articoli e interviste
2004 - Faithful - con Stewart O'Nan
2005 - Futuro dizionario d'America (The Future Dictionary of America)[43] - co-compilatore

E-book

2000 - The Plant - incompiuto
2000 - Riding the Bullet - Passaggio per il nulla (Riding the Bullet) (I ed. it. Milano, Sperling & Kupfer, 2000), anche cartaceo in Superbestseller 815
2009 - Ur - disponibile esclusivamente in digital download per Amazon Kindle, solo in lingua inglese
2011 - Miglio 81 (Mile 81)[44] - disponibile esclusivamente in digital download
2012 - Un volto tra la folla (A Face in the Crowd) - scritto in collaborazione con Stewart O'Nan. Disponibile in Italia dal 29 aprile 2014 in digital download
2013 - Nell'erba alta (In the Tall Grass - Part I & II) - scritto in collaborazione con il figlio Joe Hill. Pubblicato nei numeri di giugno/luglio e agosto 2012 della rivista Esquire Magazine, disponibile in Italia il 13 dicembre 2013 esclusivamente in digital download
2013 - Guns - disponibile esclusivamente in digital download per Amazon Kindle, solo in lingua inglese

Lavori inediti o non pubblicati

The Aftermath - il primo romanzo scritto da King ai tempi del college[46]
The Cannibals - cominciato nel 1978, è stato poi rielaborato nel romanzo The Dome[47]
Cat's Eye - sceneggiatura del film L'occhio del gatto (1985)
Chinga - sceneggiatura di un episodio della serie tv X Files

Racconti non pubblicati in raccolta

The Glass Floor (1967) - pubblicato sulla rivista Startling Mystery Stories nel numero di autunno, è il primo racconto da professionista di King
Slade (1970) - pubblicato sulla rivista studentesca The Maine Campus in otto parti
The Blue Air Compressor (1971) - pubblicato sulla rivista Onan del mese di gennaio
Weeds (1976) - pubblicato sulla rivista Cavalier del mese di maggio e presente in forma di fumetto su Creepshow con il titolo The Lonesome Death of Jordy Verrill inedito in Italia
The King Family and the Wicked Witch (1977) - pubblicato sulla rivista Flint del mese di agosto
Man with a Belly (1978) - pubblicato sulla rivista Cavalier del mese di dicembre
The Crate (1979) - presente nel fumetto Creepshow inedito in Italia
Before the Play (1982) - prologo inutilizzato; narra i fatti accaduti all'Overlook Hotel prima dell'arrivo della famiglia Torrance
Skybar (1982) - parte di un racconto breve
For the Birds (1986)
Jhonathan and the Witchs (1993) - scritto nel 1956
The Killer (1994) - scritto nella metà degli anni sessanta
The Old Dude's Ticker (2000) - scritta agli inizi degli anni settanta
The Furnace (2005) - parte di un racconto breve
Premium Harmony (2009)
Herman Wouk is still alive (2011) - sulla rivista The Atlantic del mese di maggio, pubblicato in Italia nella rivista settimanale Internazionale n. 911, 19/25 agosto
Under the Weather (2011) - pubblicato nell'edizione paperback di Full Dark, No Stars
The Little Green God of Agony (2011) - pubblicato nell'antologia A Book of Horrors il 29 settembre 2011 in UK
The Dune (2011) - pubblicato dalla rivista Granta Magazine il 27 ottobre 2011 in USA. Pubblicato in Italia nel numero 5 "Il Male" di Granta Italia con il titolo "La Duna".
Batman and Robin Have An Altercation (2012) - pubblicato nel numero di settembre 2012 della rivista Harper's Magazine
Afterlife (2013) - pubblicato nel numero di giugno della rivista Tin House (Vol. 14 n.4)
The Rock and Roll Dead Zone (2012) - originariamente in ebook, poi pubblicato nel numero di giugno 2013 della rivista Hard Listening
Summer Thunder (2013) - pubblicato nell'antologia Turn Down the Lights, Cemetery Dance Publications, dicembre 2013
That Bus is Another World (2014) - pubblicato nel numero di agosto 2014 della rivista Esquire Magazine

Antologie
Antologie di autori vari che contengono racconti di Stephen King (solo titoli usciti in Italia):

Horroriana (1979): I figli del granturco, contenuto in A volte ritornano col titolo I figli del grano
Tre storie del soprannaturale (1985): I Fornit, contenuto in Scheletri col titolo La ballata della pallottola flessibile
Il colore del male (1989) (The Dark Descent, 1987): Lo stretto, La scimmia, contenuti in Scheletri e Crouch End contenuto in Incubi & deliri
Visioni della notte (1989) (Night Visions 5, 1988): I reploidi (The Reploids), inedito in raccolte monotematiche di Stephen King, Scarpe da tennis e Dedica, contenuti in Incubi & deliri
Orrore a Crouch End (1990) (New Tales of Cthulhu Mythos, 1980): Orrore a Crouch End, contenuto in Incubi & deliri col titolo Crouch End
In principio era il male (1990) (Prime Evil, 1988): Il Succhiatore Volante, contenuto in Incubi & deliri col titolo Il volatore notturno
Se mi tocchi ho un brivido (1992) (I Shudder at Your Touch, 1991): Le rivelazioni di 'Becka Paulson (The Revelations of 'Becka Paulson), inedito in raccolte monotematiche di Stephen King
Artigli e fusa (1993) (Magicats!, 1984): Il gatto infernale, raccolto in Al crepuscolo col titolo Il gatto del diavolo
I mille volti del terrore (1994) (The Year's Best Horror Stories. Series VI, 1978): I figli del grano, contenuto in A volte ritornano
La scimmia (1994) (The Year's Best Horror Series IX, 1981): La scimmia, contenuto in Scheletri
Popsy e altri racconti (1995) (Masques II, 1987): Popsy, contenuto in Incubi & deliri
Le case del brivido (1995) (House Shudders, 1987): L'Uomo Nero, contenuto in A volte ritornano col titolo Il Baubau
Il libro dei morti viventi (1995) (Book of the Dead, 1989): Parto in casa, contenuto in Incubi & deliri
Dark Love (1997) (Dark Love, 1995): Colazione a Gotham Cafè, contenuto in Tutto è fatidico col titolo Pranzo al Gotham Cafè
L'ora della paura (1997) (The Year's Best Horror XVI, 1988): Popsy, contenuto in Incubi & deliri
Orrori e incubi (1998) (The Year's Best Horror Stories: Series VII, 1979): La notte della tigre (The Night of the Tiger), inedito in raccolte monotematiche di Stephen King
Gatti da brivido (1998) (Twists of the Tale, 1996): Il gatto che venne dall'inferno, raccolto in Al crepuscolo col titolo Il gatto del diavolo
999 - Racconti inediti per un millennio da brivido (1999) (999, 1999): Il virus della strada va a Nord, contenuto in Tutto è fatidico
L'orrore di Cthulhu (2001) (Tales of the Cthulhu Mythos, 1990): Jerusalem's Lot, contenuto in A volte ritornano
Legends. Primo Volume (2001) (Legends: Short Novels by the Masters of Modern Fantasy, 1998): Le Piccole Sorelle di Eluria, contenuto in Tutto è fatidico
Deviazioni - volume 4 (2006): Le voci delle cose, contenuto in Al crepuscolo con il titolo Le cose che hanno lasciato indietro
The Dark Side (2006): Il sogno di Harvey, contenuto in Al crepuscolo
Lui è leggenda (2011) (He is Legend, 2009): A tutto gas (Throttle), Stephen King e Joe Hill, inedito in raccolte monotematiche di Stephen King
Le cronache di Harris Burdick (2012) (The Chronicles of Harris Burdick, 2011): La casa di Maple Street, contenuto in Incubi & deliri

Vedere anche i Collegamenti tra le opere
  Contatti:
bic@nuovasolaria.net
facebook: Tea C. Blanc

Offline Bic

  • Tea C. Blanc
  • Amministratore
  • Tastiera digitale
  • ******
  • Post: 10288
Re:Stephen King
« Risposta #1 il: 10 Aprile 2015, 23:11:48 »


Sono reduce dalla lettura di Cuori in Atlantide. E chi ritrovo nel primo, e il più lungo, racconto? Un personaggio del settimo libro di La torre nera che ha un ruolo chiave negli accadimenti che porteranno alla fine della storia. E che risulta essere un po' uno spin-off , cioè un episodio derivato, degli accadimenti portanti nella serie.
Cuori in Atlantide è costruito su questo primo episodio inquietante; il resto sono racconti (cinque in tutto compreso il primo) che narrano da una diversa angolatura, non solo di prospettiva ma anche nel tempo.
La storia primaria è l'esca da cui si dipartono le storie dei personaggi; storie che avranno un ruolo all'interno degli anni Sessanta, fino ad arrivare agli anni Novanta. Ci sono l'adolescenza, lo studio, il Vietnam per chi ci è andato e per chi è riuscito a tornare, il Vietnam per chi non ci è andato ed è rimasto ma ugualmente si è trovato coinvolto da questa tragedia molto statunitense. Il Vietnam dopo, per chi non ci è andato e per chi c'era.
Sopra ogni cosa, le scelte, consapevoli e inconsapevoli dell'individuo, morali ed etiche, nel turbinio degli eventi.




Step successivo: 22/11/'63.

Grande ucronia. E ancora una volta il continuo dilemma della scelta morale ed etica nei confronti di se stessi e del mondo. Il tema del tempo.
La conclusione sorprendente.
King è uno stupefacente narratore. Con un escamotage iniziale nemmeno troppo nuovo - anzi, all'inizio sembra quasi deludente - scrive una storia epica e generosa, ben costruita e documentata, che offre molti spunti di riflessione.
« Ultima modifica: 10 Aprile 2015, 23:17:22 da Bic »
  Contatti:
bic@nuovasolaria.net
facebook: Tea C. Blanc

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Stephen King un autore a 360 gradi.
« Risposta #2 il: 21 Settembre 2015, 13:33:45 »
Oggi è il compleanno di Stephen King. Per me è un autore magistrale,  negli anni si è evoluto, sperimentando generi diversi, dando vita a libri meravigliosi e qualche ... lavoro poco riuscito.

Conosciuto principalmente come autore horror ha in realtà fin da subito dato vita a romanzi di diverso genere.

Stagioni diverse.  Una raccolta di 4 novelle.
Da cui sono stati tratti ben tre film. Ne cito 2: le ali della libertà (considerato da Imdb come il più bello di sempre), e Stand By Me, una bellissima storia di adolescenti.

La lunga marcia,  romanzo di fantascienza, originale e macabro come pochi.

Poi cito qualche romanzo poco conosciuto, ma meritevoli.

La storia di Lisey,  libro odiato da molti fan, rappresenta una storia fuori da ogni genere,  tra amore e follia, divisa su più mondi, con i personaggi più reali mai creati da King.  Commovente.

Cuori in Atlantide.
È una raccolta di novelle legate tra loro. 
Uomini bassi in soprabito giallo,  è la storia di un bambino orfano di padre che si affeziona ad un adulto in fuga con caratteristiche particolari. 
Cuori in Atlantide: oltre a dare il titolo alla raccolta è un romanzo ambientato durante la guerra in Vietnam,  ma il protagonista non sembra accorgersene,  preso da università e dipendenza dal gioco.  Quando vede per la prima volta il simbolo della pace, lo scambia per il'impronta di una gallina.  Una visione degli anni 60 mai raccontata. 

22-11-63.
È un romanzo di fantascienza,  dove un uomo che scopre una porta per il passato cercherà di salvare JFK,  King si dimostra all'altezza di raccontare una storia con un tasso di difficoltà incredibile.  È il primo libro con cui King viene ad essere riconosciuto come un grande narratore dalla critica che lo aveva sempre confinato a scrittore si serie B.

Revival.
King è famoso per misery,  shining dove la tensione traspare da ogni riga,  in questo romanzo King racconta la vita di un personaggio da bambino ad adulto,  una vita senza colpi di scena,  che scorre lentamente, scivola man mano nei sui giorni.  Coraggioso e rivoluzionario, un libro dove ogni sfumature sprigiona verità.

Basta. .. cosa ne pensate di questo mostro?

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:Stephen King un autore a 360 gradi.
« Risposta #3 il: 21 Settembre 2015, 16:32:21 »
Ciao William, sarò diretta e meno politicamente corretta di te: ritengo Stephen King un autore molto valido che, innegabilmente, ha fatto storia. Ha scritto dei buoni libri, qualche perla rara e delle porcate immani.
Partiamo da un presupposto: King è, a mio parere, un ottimo mistificatore. Da "tecnica" della scrittura e insider al mondo editoriale posso dirti che, secondo me, è uno scrittore mediocre con una pessima gestione dei tempi narrativi, ma è dannatamente bravo a nasconderlo. Un altro punto dolente sono i topos reiterati, l'ossessione per la quotidianità della provincia americana (buona nei primi lavori ma ridondante in quelli successivi) e quel vago autocompiacimento che, specie nelle ultime produzioni, traspare dai suoi lavori, come se il lettore fosse ormai costretto a prendere tutto per buono, pena la scomunica.
Diciamo che considero (qui andiamo sul soggettivo), buoni i "classici" fino al 1983 che potrei definire il "blocco della paura". Tra questi farei emergere La Zona Morta e, direi, Shining (ma qui oggettivamente perché, personalmente, l'ho gradito meno delle Notti di Salem).
Con It inizia il "blocco dell'inquietudine", il migliore. Lo faccio terminare con La bambina che amava Tom Gordon. Ci sono opere che ho apprezzato maggiormente,Insomnia o lo stesso It (anche Il gioco di Gerard non mi è dispiaciuto) ma, in linea di massima, mi sono piaciute tutte a loro modo.
Con il 2000... la catastrofe. Direi che gli unici, in assoluto, che si salvano sono The Dome, verso la fine, e Revival che risente tuttavia di quella boria che ho citato in precedenza.
Da questo discorso di escludono la saga de La Torre Nera e L'ombra dello scorpione che ritengo autentici capolavori e meritano un discorso a parte.
Per ora mi fermo qui, aspetto una tua eventuale risposta per continuare.

Vorrei inoltre farti notare come un topic su Stephen King sia già presente: http://forum.nuovasolaria.net/index.php?topic=583.msg5567#msg5567.
Non sono una moderatrice, ma mi sembrava doveroso segnalarlo per evitare doppioni e conseguente caos. Bic mi perdonerà per questa libertà.
« Ultima modifica: 21 Settembre 2015, 17:16:26 da La Vic »

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King un autore a 360 gradi.
« Risposta #4 il: 21 Settembre 2015, 17:15:24 »
Non ho visto commenti sotto il topic, non pensavo di poter parlare di King direttamente li.

E comunque non mi trovo assolutamente d'accordo. Penso che King sia un grande scrittore, ne una dimostrazione la National Medal of Arts che gli è stata consegnata solo qualche giorno fa da Obama.

Penso che sia sbagliato l'approccio ai suoi libri, identificando King con un genere che non gli appartiene, infatti questo è proprio la scopo del mio post: cercare di sdoganare king dall'horror. Ho citato dei libri meravigliosi, che non sono horror, e  alcuni tra l'altro appartengono all'ultima produzione kingiana, secondo me la migliore.

Concordo sul fatto che alcuni libri non sono riusciti, tra cui Doctor Sleep e Cell.

Per il resto apprezzo il tuo parere, rimanendo in attesa di un amministratore che mi faccia la ramanzina.

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4948
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:Stephen King
« Risposta #5 il: 21 Settembre 2015, 18:23:21 »
I premi vinti da King non indicano che sia davvero uno scrittore di qualità. Non quei premi, almeno. Non in America, almeno.

Ricordiamoci che King è un vero e proprio "mostro" mondiale. Poco dovrebbe meravigliare se gli danno riconoscimenti in patria (e qualcuno minore anche all'estero, anche se non saprei fare esempi). Ma il Nobel l'ha vinto? Il Pulitzer?

Mi trovo d'accordo con quanto dice La Vic. Anzi, mi fa piacere scoprire che qualcun altro, oltre a me, sia disposto a ragionare sulla qualità effettiva di King, a cui gli attribuiscono generalmente miracoli e intenzioni artistiche ben consapevoli.

Comunque, concordo che abbia scritto di tanti generi e che forse andrebbe considerato di più come eclettico. Peccato che la sua fortuna è venuta su a colpi di horror e quindi sdoganarlo dalla definizione di "scrittore horror" non è solo impresa impossibile, ma anche inutile.



@La Vic
Su Duma Key invece che dici? Per me il picco massimo di King è questo romanzo.

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #6 il: 21 Settembre 2015, 18:39:48 »
Il premio vinto recentemente è davvero importante,  basti vedere gli albi per rendersene conto.

Probabilmente è inutile l'ambizione che ho, ma ad esempio la storia di Lisey per me la sua opera migliore non è acquistata da un pubblico corretto,  i fan di King non l'apprezzano, e sarebbe il caso che qualcuno se ne accorgesse al di fuori del mondo dell'horror che esiste questa perla. E non solo ...

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:Stephen King
« Risposta #7 il: 21 Settembre 2015, 21:47:19 »
Trovo che l'assegnazione della National Medal of Arts significhi ben poco. Per quanto prestigioso è un riconoscimento sì culturale, ma calato profondamente nel sociale al pari della nostra Medaglia ai benemeriti della cultura e dell'arte o dell'Ordre des arts et des lettres francese. Queste onorificenze sono destinate non tanto ad artisti dal talento straordinario o fuori dal comune, quanto a coloro che hanno il merito di aver diffuso la cultura del proprio paese nel mondo.

Detto questo, io non ho mai incasellato King in un genere. Se noti infatti ho diviso, per quanto sommariamente, le sue opere in "blocchi". Sono perfettamente conscia che abbia scritto una notevole quantità di generi e quindi ogni suo libro vada letto con spirito diverso, non sindaco su quello. Il mio parere era propriamente tecnico. In quest'ottica vedo un buon potenziale nel King "giovanile", un buon assestamento in quello adulto e un'involuzione dal 2000 in poi quando, consolidata la fama, ha iniziato a sfornare non solo trame mediocri e spesso azzardate (quando non completamente inverosimili) ma, soprattutto, mal gestite dal punto di vista narrativo (L'Acchiappasogni ne è un lampante esempio).
L'idea che mi sono fatta è che a un certo punto King abbia iniziato a scrivere senza più badare al pubblico ma ragionando (e questo succede tra i "grandi nomi") nell'ottica "posso scrivere quello che mi garba, tanto sarò letto comunque". Un grosso guaio nel quale ho visto cadere altri "mostri sacri" del mainstream quali Ken Follett, Tom Clancy, Ann Rice o James Patterson.
Poi, per carità di Dio, la mia è l'opinione di una stronza qualsiasi :pf: e, da lavoratrice dell'editoria, sono la prima a pensare che "se vende, ok!".
Quello che mi fa specie è che certi errori non li commette in opere come, appunto, La Torre Nera o The Stand e questo mi fa notare il divario netto tra ciò che "gli piace scrivere" e ciò che "deve scrivere".
E nonostante questo non riesco proprio a considerarlo né un genio, né un mostro della scrittura. Un grande affabulatore, un fascinatore forse... non un artista.

@Gargaros:
Duma Key. Hai ragione, mea culpa per non averlo citato.
Opera ottima che mi ha ricordato, per certi versi, il mood di Insomnia (che però continuo a preferirgli). Anche questo fa parte tuttavia di quei racconti che si intersecano alla grande mitologia di King: c'è un giovane (Jack), un pistolero (Wireman) e una figura femminile su una sedia a rotelle. C'è un po' de La metà oscura e un po' de La zona morta.
E poi c'è quel sentore atavico, quel male antico, profondo, incomprensibile, lovecraftiano che sento simile a quello del Linoge de La tempesta del secolo. Per me non è il "picco massimo" ma comunque un'opera riuscita.

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #8 il: 21 Settembre 2015, 22:25:13 »
In merito a King io parlo da Fan. Ma non posso essere d'accordo su...

Un grande affabulatore

Un affabbulatore avrebbe sfornato ciò che il pubblico gli chiedeva. E invece no, ha scritto libri che hanno messo in crisi il fedele lettore,  molti infatti lo hanno abbandonato.

È cresciuto, maturato, rischiando. Sfornando libri fuori dai soliti schemi.

 Devo dire che non comprerò il libro che uscirà domani, secondo me è una boiata.  Ma sto attenTo alle sue pubblicazioni. 

Vorrei dei pareri su la storia di lisey.

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4948
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:Stephen King
« Risposta #9 il: 21 Settembre 2015, 22:48:06 »
Vorrei dei pareri su la storia di lisey.

Questo devo ancora leggerlo, ma mi hai incuriosito al punto che probabilmente lo farò a brevissimo entro un mese, cioè).

Non sono fanz di King, quindi potresti aver citato il libro più adatto a me  :sisi:

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #10 il: 21 Settembre 2015, 23:10:16 »
è un libro totalmente fuori... I fan lo odiano. È di lettura difficile,  è fuori dagli schemi.

Io lo abbandonai per ben due volte. Poi sono entrato nella dimensione giusta,è ora lo amo. 

Ritornando sul termine affabulare.  In effetti King in molti lavori è affabulatore,  ma a tratti abbandona questa caratteristica,  esempio in Colorado KiD:

Devo fare spoiler. .. capisco come si fa esprimo il concetto... forse domani. 

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #11 il: 21 Settembre 2015, 23:13:14 »
Odio il correttore automatico. .. mi mangia anche le parole. Sbaglio di mio, non c'è bisogno che mi corregga a casaccio le: è.

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:Stephen King
« Risposta #12 il: 22 Settembre 2015, 00:00:51 »
Ritornando sul termine affabulare.  In effetti King in molti lavori è affabulatore,  ma a tratti abbandona questa caratteristica,  esempio in Colorado KiD
Good, Will... volevo giusto dirti di guardare il significato di "affabulare". :pf:
Da fan fai benissimo a difendere il "tuo" King. Prendi Eco, ad esempio: Il cimitero di Praga è stato criticato ferocemente, eppure io l'ho adorato. Ho adorato tutto di Eco, a dire il vero ma, se osservo con occhio professionale, non posso non riconoscere le magagne di alcune suo opere. Anche sul lavoro alle volte mi vengono proposti testi che mi fanno dire "Cazzo, c'è del buono! Anzi, dell'ottimo!", poi sono costretta a scartarli perché li riconosco fallaci sotto altri punti di vista. La soggettività è una brutta bestia.

Lisey... so che qui si è discusso molto: alcuni lo hanno amato (ricordo un articolo di Wu Ming 1 su l'Unità... e, cazzo, diciamo Wu Ming), altri lo hanno stroncato in maniera micidiale.
Premetto che a me è piaciuto ma, attenzione, arriviamo al discorso dell'affabulazione. Tu mi parli di "fuori dagli schemi", io ci trovo una reiterazione di temi già trattati in tutta la produzione di King, ricostruiti e intrecciati tuttavia in modo magistrale, così da apparire nuovi. Questa non è una critica ma, anzi, un pregio. E' un qualcosa che aveva già fatto in Insomnia ma che qui riesce meglio: il libro diventa quindi un gioco delle citazioni.
Spiacente, ma non sei autorizzato a visualizzare il contenuto degli spoiler

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #13 il: 22 Settembre 2015, 00:50:07 »
King dice in on writing che insomnia non è un buon romanzo,  mentre negli ultimi anni loda la storia di Lisey. 

Forse i temi trattati sono simili ad altri lavori, in L.S.L. ma le emozioni che suscita sono diverse, la voglia di King in questo romanzo è quello di trasmettere l'amore tra marito e moglie in modo reale,  con il lessico familiare che nasce da due persone che diventano complici in una vita intera. Questo è il tema centrale del libro,  e non era stato mai trattato da King.

La trama non ha il fine di intrattenere, anche questa passa in secondo piano. Il paradigma solitamente usato nei libri,  inizio, svolgimento e fine, in questo libro non esiste.


« Ultima modifica: 22 Settembre 2015, 00:51:59 da wfm_83 (William F.Murano) »

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:Stephen King
« Risposta #14 il: 22 Settembre 2015, 00:56:26 »
King dice in on writing che insomnia non è un buon romanzo,  mentre negli ultimi anni loda la storia di Lisey. 
William, abbiamo visioni diverse su King, si è capito. Io dal libro citato ho tratto quello che ho scritto, tu altro.
Magari sbaglio io, ma non posso farci nulla se a me una cosa non è passata.
E un autore che loda o condanna pubblicamente un suo libro è esattamente quello che dicevo: un autore che, giunto al successo, mette se stesso come metro di giudizio assoluto.
Un conto è scrivere per se stessi e, nel caso, regalare le proprie opere affinché qualcosa passi ad altri; un altro è chi si fa pagare e si arricchisce vendendo la propria opera... in quel caso il giudizio del lettore diventa sacro e la sua opinione basilare.
Senso critico... sempre! Anche con i nostri artisti favoriti.
« Ultima modifica: 22 Settembre 2015, 00:57:33 da La Vic »

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #15 il: 22 Settembre 2015, 01:01:21 »
Colorado kid
Spiacente, ma non sei autorizzato a visualizzare il contenuto degli spoiler

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:Stephen King
« Risposta #16 il: 22 Settembre 2015, 01:09:44 »
Ti rispondo con calma, William. E' l'una e questa skirmish è stata appagante e, al contempo, stancante come uno sparring sul ring o una tornata di sesso. :surrender:
Riprendiamo domani. Good night! :wink:

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #17 il: 22 Settembre 2015, 01:10:28 »
Sto solo cercando di argomentare il mio pensiero. 
Nel caso di Insomma e della sua critica, in  on writing parla di sé stesso,  la prima parte è una biografia,  poi nella seconda parte fa dei cenni più tecnici, in particolare modo sulla decisione di decidere la trama prima di scrivere un romanzo,  scrisse che lo fece con insomma con scarsi risultati,  mentre un ottimo esempio era Il signore delle mosche.  In generale King preferisce scrivere i libri parola dopo parola senza decidere nulla a tavolino.
« Ultima modifica: 22 Settembre 2015, 01:13:06 da wfm_83 (William F.Murano) »

Offline wfm_83 (William F.Murano)

  • Stilo
  • **
  • Post: 36
  • Sesso: Maschio
Re:Stephen King
« Risposta #18 il: 22 Settembre 2015, 01:11:04 »
Ciao a domani.  ;)

Offline barabba

  • Moderatore
  • Pennino
  • *****
  • Post: 542
  • Sesso: Maschio
  • Non egere felicitate felicitas vestra est
Re:Stephen King
« Risposta #19 il: 22 Settembre 2015, 10:15:08 »
Non conosco King se non per averlo letto negli anni di gioventù. E parlo del 1983 - 1986, ahimè, quando comperai Cujo, Shining, L'ombra dello Scorpione e lì mi fermai. Lo ricordo come un autore incisivo, folgorante, anzi, nei primi due citati, ma indefinitamente, inutilmente, prolisso, nell'ultimo. La fantasia affascinante dei primi due romanzi veniva sprecata nel terzo dove la conclusione virava laddove si fermano molte opere della letteratura americana minore; in quella sorta di abbandono al pensiero magico dove la crudele lotta tra il bene e il male dal sapore vagamente Vecchio Testamento viene subita dall'umanità, che diventa oggetto, mai soggetto, dello scontro tra forze inumane e inarrivabili. Del King attuale non so nulla perché non ho letto i suoi romanzi o racconti, ma mi sono nutrito dei vari commenti in rete, come quelli qui pubblicati.
Credo che la sua carriera sia proseguita inseguendo i temi de L'Ombra dello Scorpione, piuttosto che quelli di Cujo o Shining, cercando di vendere più che di stupire.
Ma la mia è solo invidia, naturalmente.