Autore Topic: Manifesto del forum  (Letto 796 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Bic

  • Tea C. Blanc
  • Amministratore
  • Tastiera digitale
  • ******
  • Post: 10506
Manifesto del forum
« il: 07 Dicembre 2014, 21:48:45 »
Solaria fu una rivista italiana di grandissimo rilievo, fondata nel 1926, con direttore A. Carocci. Nel 1929 si associò nella direzione G. Ferrara, sostituito l'anno successivo da A. Bonsanti; nel 1933 Carocci tornò ad essere l'unico direttore. Tra i più importanti collaboratori di cui la rivista pubblicò testi in edizione originale ci sono: R. Bacchelli, A. Bonsanti, G. Debenedetti, A. Garosci, L. Ginzburg, A. Loria, E. Montale, S. Solmi, B. Tecchi.

Nel primo numero, uscito in gennaio, venne pubblicata una dichiarazione non programmatica che vuole essere simbolica e di pro memoria per la costruzione di una piccola Città Ideale che tanto ci piacerebbe fosse questo forum.


Benvenuti a
Nuova Solaria  :)



"Solaria nasce senza un programma preciso e con qualche non spregevole eredità. Forse l'una e l'altra debbono considerarsi di buon augurio in un momento sazio e invero poco nostalgico di rivoluzioni (...)".
"NON SIAMO IDOLATRI DI STILISMI E PURISMI ESAGERATI e se tra noi qualcuno sacrifica il bel ritmo e magari la proprietà del linguaggio nel tentativo di dare fiato a un'arte singolarmente drammatica e umana gli perdoniamo in anticipo con passione. Per noi, insomma, Dostojevskij è un grande scrittore. Ma non perdoneremo nemmeno ai fraterni ospiti le licenze che non siano pienamente giustificate e in questo CI SENTIAMO RONDESCHI".
"SENZA PRECISO PROGRAMMA ma con una coscienza di alcuni fondamentali problemi dell'arte che si suppone concorde, ci siamo avvistati nei caffè e concertati alla buona come per vestire una commedia in un teatrino di campagna, ma l'esser qui convenuti da luoghi diversi non deve far credere a nessuno che ogni giorno s'aspetti un treno. Né si giudichi male il nostro tono eventualmente svagato: talvolta uno di noi si porrà a discorrere di argomenti che alcuno suppone invecchiati o di cattivo gusto. Sia cortese il pubblico di volerne ascoltare le parole come le battute d'una commedia e s'accontenti di giudicarci a mano a mano che gli si comporrà nella mente la prospettiva di questa nostra Città ideale."


Solaria, gennaio 1926


« Ultima modifica: 11 Ottobre 2016, 21:41:56 da Bic »
  Contatti:
bic@nuovasolaria.net
facebook: Tea C. Blanc