Autore Topic: #freethenipple  (Letto 559 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Geppe

  • Moderatore
  • Pennino
  • *****
  • Post: 967
  • Sesso: Maschio
#freethenipple
« il: 19 Settembre 2015, 17:31:06 »
No, ragazze, non vi chiederò di mettere in mostra le vostra grazie, anche se chi volesse può spedirmi un messaggio privato e in risposta riceverà una valutazione da 1 a 5 (se volete sapere i criteri per il voto basta chiedere).
Non so se ne avete sentito parlare (sghignazzi fra i giovani, mentre i più anziani cercano di abbassare leggermente lo sguardo) ma da un po' di tempo negli States è nata questa campagna, Free the nipple appunto, per sdoganare il taboo e la censura del seno femminile.
Cosa ne pensate? Solo una moda per spogliarsi? E' una cosa che riguarda solo gli americani? Così liberali da fare il giro e tornare bacchettoni o serve anche per i paesi europei?
But do you have what it takes to be invited into the divine council?


Offline Fox

  • Penna Stilografica
  • *
  • Post: 1841
  • Sesso: Maschio
Re:#freethenipple
« Risposta #1 il: 19 Settembre 2015, 20:25:03 »
ma succede gia da tempo nelle reti mediaset con l'avvento di Don Silvio :blaugh:

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4966
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:#freethenipple
« Risposta #2 il: 19 Settembre 2015, 20:54:21 »
Ma è un movimento contro il nastrino nero che copre i capezzoli alle spogliarelliste pudiche? Se sì, lo approvo. Credo sia ridicolo incentrare nel capezzolo certi pruditi, quando tutto il resto sembra non avere alcun senso. Che senso ha pecettare i capezzoli se poi le tette sono totalmente nude? Mah...


Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:#freethenipple
« Risposta #3 il: 22 Settembre 2015, 00:22:59 »
A dire il vero, al di là delle goliardate che può provocare l'idea di Free The Nipple, l'idea della campagna è profondamente femminista e si basa sull'assurdità della politica censoria di social quali Facebook o Istagram.
Il discorso del nudo è sempre emblematico, specchio del quadro sociale di qualsiasi cultura. Rispondo con, forse, maggior serietà di quello che il topic di Geppe richiedeva in quanto, avendo lavoricchiato come alternative-model in passato (anche con foto di nudo) ho potuto toccare con mano gli estremi: censura immotivata da un lato, facile pregiudizio dall'altro (posi nuda=sei una troia).
In quest'ottica sono favorevole alla sensibilizzazione, soprattutto in un paese puritano e ipocrita come gli USA.

Comunque sono sempre più dell'idea di aprire un topic o scrivere un articolo sulla libertà e la liberazione del corpo e della carne dai vincoli. :sisi:

No, ragazze, non vi chiederò di mettere in mostra le vostra grazie, anche se chi volesse può spedirmi un messaggio privato e in risposta riceverà una valutazione da 1 a 5 (se volete sapere i criteri per il voto basta chiedere).
Io passo, Geppe. In quella zona non ho veramente nulla da mostrare... :sad:

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4966
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:#freethenipple
« Risposta #4 il: 22 Settembre 2015, 12:07:49 »
posi nuda=sei una troia

A volte in questo ragionamento son cascato pure io (ma è accaduto in particolarissimi casi)  :sad:

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:#freethenipple
« Risposta #5 il: 22 Settembre 2015, 21:27:03 »
A volte in questo ragionamento son cascato pure io (ma è accaduto in particolarissimi casi)  :sad:
Mi piacerebbe sapere i processi mentali dietro un pensiero simile. Non è una polemica, giuro, solo per capire.

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4966
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:#freethenipple
« Risposta #6 il: 23 Settembre 2015, 01:23:58 »
Mi piacerebbe sapere i processi mentali dietro un pensiero simile. Non è una polemica, giuro, solo per capire.

Ho una certa età. Ho visto delle attrici crescere, da bimbe ad adulte. Ecco, quando nei film cominciano a mostrare troppo, una volta che sono diventate grandi, è una cosa che mi dà fastidio, e provo una gran delusione per le ormai donne che si vendono a questo modo. E' stato in casi simili che ho parlato di "troizzazione".

Purtroppo ti posso dire solo questo, visto che neanche io so perché mi dà fastidio vedere certe cose.

Forse c'entra l'istinto paterno... Effettivamente, non manco mai di provare tanta tenerezza per le bambine (anche per i maschietti, ma stiamo parlando di nudiste)...

Prendiamo Abigail Breslin. Ormai è grandina, eppure l'ho vista crescere di film in film. Mi fa tenerezza, vorrei adottarla. Se comincerà a mostrarsi troppo, resterò di nuovo deluso.

Ma forse sono solo bacchettone, per quanto sia anche un alfiere delle libertà delle donne: vogliono mostrarsi, bene, io sarò sempre a favore.

Non so, Victò. Dovrei consultare un analista :asd:
« Ultima modifica: 23 Settembre 2015, 01:28:11 da Gargaros »

Skar

  • Visitatore
Re:#freethenipple
« Risposta #7 il: 23 Settembre 2015, 10:25:09 »
Ho una certa età. Ho visto delle attrici crescere, da bimbe ad adulte. Ecco, quando nei film cominciano a mostrare troppo, una volta che sono diventate grandi, è una cosa che mi dà fastidio, e provo una gran delusione per le ormai donne che si vendono a questo modo.

È il tuo opposto Vivì  :blaugh: sul web ci sono foto delle tue tette solo di quando eri pischella  :pf: :rock:

Comunque Abigail Breslin sta diventando proprio topa :clapclap:

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:#freethenipple
« Risposta #8 il: 23 Settembre 2015, 12:36:25 »
@Gargaros:
Ho capito. Ma esiste nudo e nudo, scena spinta e scena spinta.
Prendi come esempio Emily Browning: da bambina in Una serie di sfortunati eventi al giocattolo sessuale di Sleeping Beauty (film meraviglioso e meravigliosamente estetico, tra l'altro), non ho trovato "troizzazione" quanto piuttosto maturazione artistica e, nello specifico, un rapporto ottimo con il proprio corpo.
Altro esempio è un altro bellissimo film, Hard Candy, con una giovane Ellen Page (mi pare avesse 17 anni) che riesce a emanare una carica e una tensione sessuale estrema, senza scadere assolutamente nel volgare.
Che ne pensi?

@Skar:
Mi raccomando, ribadisci a tutto il forum di avere dodici anni. Magari avevano ancora qualche dubbio a riguardo. :uhm: Ah, gli ormoni degli adolescenti... :pf:

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4966
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:#freethenipple
« Risposta #9 il: 23 Settembre 2015, 13:12:39 »
Comunque Abigail Breslin sta diventando proprio topa :clapclap:

A me fa tenerezza, non potrei mai pensare che sia "topa". Carina, dolce, ma non topa... Il termine topa indica che c'è attrazione sessuale, ma a me non m'attizza :asd:

@Gargaros:
Ho capito. Ma esiste nudo e nudo, scena spinta e scena spinta.
Prendi come esempio Emily Browning: da bambina in Una serie di sfortunati eventi al giocattolo sessuale di Sleeping Beauty (film meraviglioso e meravigliosamente estetico, tra l'altro), non ho trovato "troizzazione" quanto piuttosto maturazione artistica e, nello specifico, un rapporto ottimo con il proprio corpo.
Altro esempio è un altro bellissimo film, Hard Candy, con una giovane Ellen Page (mi pare avesse 17 anni) che riesce a emanare una carica e una tensione sessuale estrema, senza scadere assolutamente nel volgare.
Che ne pensi?

Emily è un'altra attrice che mi ha deluso. Ammetto però che quel film non l'ho visto. Il fatto è che non riesco a separare la qualità dalla volgarità. Per me è sempre un "delitto" quando mostrano le loro grazie  :uhm:


EDIT
Stavo rimensando a Jodie Foster quando mostrò le tette in Nell. Lì il sesso non c'entra nulla, era una scena molto intelligente per intensificare il senso della storia. Nell è una donna pura, innocente, un angelo. Quando mostra le tette dimostra la sua purezza ai mocciosi che la prendono in giro. E quelli ammutoliscono, perché vengono messi di fronte alla verità di quanto loro sono sporchi mentre Nell no.

Ecco, quella è l'unica scena con tette al vento che non mi ha dato fastidio (anche Jodie ho vista crescere... anzi, è cresciuta con me), perché era finalizzata a uno scopo che con la sfera sessuale non aveva niente a che fare.

« Ultima modifica: 23 Settembre 2015, 13:17:20 da Gargaros »

Offline La Vic

  • UTENTE BANNATO
  • Matita
  • *****
  • Post: 495
  • Sesso: Femmina
Re:#freethenipple
« Risposta #10 il: 23 Settembre 2015, 17:55:34 »
Bellissimo film, Nell. Concordo pienamente su quanto hai scritto a riguardo: in quella scena Jodie Foster rappresenta la purezza che si contrappone, con forza, alla malizia e alle costruzioni sociali.
Ma attenzione... parlavamo di Emily Browning (che, al contrario di te, reputo una grande attrice): prendi l'erotismo e la lascivia che trasuda in Sucker Punch, io lo reputo funzionale al narrato e non solo un richiamo per ormoni. Il personaggio e la sua storia lo rendono necessario. Così come, al contrario, in Sleeping Beauty abbiamo l'oggettivazione spersonalizzata e spersonalizzante del corpo (guardalo, merita).

Dalle tue parole intuisco che il problema sia non la nudità (o la lascivia e affini) in sé, quanto la perdita dell'innocenza. Mi viene in mente il padre che vede la figlia uscire per la prima volta conciata da disco, o che si chiude in stanza con un ragazzo. (Sarà per questo che mio padre a 35 anni aveva già i capelli bianchi... :tend:)

Sinceramente io bado molto all'intenzione e ritengo che ci sia molta più lascivia o "troiaggine" in tanto -ine della TV italiana (veline, letterine, ecc.) che in un'attrice erotica. A tal proposito ti inviterei a leggere alcuni articoli sul pensiero di Ovidie, ex attrice e regista pornografica francese, musicista e filosofa.

Mi incuriosirebbe anche mostrarti qualche mia foto dell'epoca, per vedere come le incaselli. Ma non qui in pubblico... :chen:

Offline Gargaros

  • Moderatore
  • Biro
  • *****
  • Post: 4966
  • "Ecate, figlia mia..."
Re:#freethenipple
« Risposta #11 il: 23 Settembre 2015, 18:45:31 »
Dalle tue parole intuisco che il problema sia non la nudità (o la lascivia e affini) in sé, quanto la perdita dell'innocenza. Mi viene in mente il padre che vede la figlia uscire per la prima volta conciata da disco, o che si chiude in stanza con un ragazzo. (Sarà per questo che mio padre a 35 anni aveva già i capelli bianchi... :tend: )

Mi sa che il problema è proprio questo.

Citazione
Mi incuriosirebbe anche mostrarti qualche mia foto dell'epoca, per vedere come le incaselli. Ma non qui in pubblico... :chen:

Non mi farebbero effetto... perché non ti ho vista crescere.

Le donne fatte, quando si spogliano, non mi danno nessun fastidio (anzi, apprezzo la visione di bei corpi), indipendentemente dal motivo per cui lo fanno.

Offline Calvinator2

  • Penna Stilografica
  • *
  • Post: 2008
  • Sesso: Maschio
  • Regno delle Storie: principiante novizio
Re:#freethenipple
« Risposta #12 il: 02 Ottobre 2015, 20:14:16 »
Bellissimo film, Nell. Concordo pienamente su quanto hai scritto a riguardo: in quella scena Jodie Foster rappresenta la purezza che si contrappone, con forza, alla malizia e alle costruzioni sociali.
Ma attenzione... parlavamo di Emily Browning (che, al contrario di te, reputo una grande attrice): prendi l'erotismo e la lascivia che trasuda in Sucker Punch, io lo reputo funzionale al narrato e non solo un richiamo per ormoni. Il personaggio e la sua storia lo rendono necessario. Così come, al contrario, in Sleeping Beauty abbiamo l'oggettivazione spersonalizzata e spersonalizzante del corpo (guardalo, merita).

Dalle tue parole intuisco che il problema sia non la nudità (o la lascivia e affini) in sé, quanto la perdita dell'innocenza. Mi viene in mente il padre che vede la figlia uscire per la prima volta conciata da disco, o che si chiude in stanza con un ragazzo. (Sarà per questo che mio padre a 35 anni aveva già i capelli bianchi... :tend:)

Sinceramente io bado molto all'intenzione e ritengo che ci sia molta più lascivia o "troiaggine" in tanto -ine della TV italiana (veline, letterine, ecc.) che in un'attrice erotica. A tal proposito ti inviterei a leggere alcuni articoli sul pensiero di Ovidie, ex attrice e regista pornografica francese, musicista e filosofa.

Mi incuriosirebbe anche mostrarti qualche mia foto dell'epoca, per vedere come le incaselli. Ma non qui in pubblico... :chen:

spero di non avere mai figlie femmine, o che siano lesbiche, non potrei sopportarlo  :blaugh: :blaugh: :blaugh:
Io che l’ho capito dal principio il motivo per cui ora scrivo.
Che ho fallito il mio suicidio però sono recidivo.